CHI SIAMO


Vincenzo Pastorelli

di origine abruzzese pur nato in Australia. Vive a Bologna ove dall’84 svolge con passione la professione di fabbro e carpentiere del metallo, derivato da una formazione di maturità superiore come Perito meccanico, Capo Tecnico, disegnatore, nonchè da specializzazioni professionali di ‘arte del ferro battuto’ e tecnologia applicata ai metalli. La passione per l’antichità, l’esperienza negli sport da combattimento e la grande competenza nell’ambito della carpenteria metallica, lo avvicina ad ArsDimicandi, con cui dal 2003/04 inizia una strettissima collaborazione fino ad assumere la carica di socio fondatore.  Le collaborazioni con musei, storici, archeologi e gruppi di sperimentazione archeologica, a livello nazionale ed internazionale, hanno contribuito ad allargare  le sue conoscenze in campo ricostruttivo. E’ uno dei 3  membri fondatori del progetto ” Gallia Gaesata”insieme al Dott. Gioal Canestrelli e Alessandro Malato.  Attualmente collabora con quasi tutti i gruppi di rievocazione storica.


Competenze:

  • Tecniche e tecnologie applicate ai metalli
  • Forgiatura
  • Fusione

Esposizioni, collaborazioni ed eventi: 

2009 –  museo del coltello di Pattada (SS) dal 14 al 31 agosto durante l’VIII mostra del coltello intitolata “Prendas Attalzadas – Gioielli taglienti  (clicca per vedere la locandina)

2009 – Repliche di armi per esposizione – Museo “Luigi Fantini” di Monterenzio (Bologna).In collaborazione con l’istituto Cavazza.

2010 – Inaugurazione “sezione tattile” permanente presso il museo Luigi Fantini di Monterenzio.   

2010 – Esposizione presso ” Storia in fiera” ( Ferrara)

2010 – Repliche per il “Parco della Terramare di Montale” in collaborazione con il museo archeologico di Modena.        

2011 – Conferenza sulle ” armi dei Celti” in collaborazione con la dott.ssa Federica Guidi ed il museo archeologico di Bologna.

2012 – Esposizioni di repliche presso il congresso internazionale sullo studio dell’età del ferro. ( Verona)

2012 – Partecipazione, in collaborazione con il museo Fantini, al workshop con tema “Rivivere e comunicare il passato”

2014 – pubblicazione di 2 articoli sulla rivista “Archeologia Viva” sulle “temibili armi dei Celti. Ricerca e sperimentazione

2014 – Collaborazione con Istituzione Bologna Musei e Civico archeologico di Bologna per progetto didattico-sensoriale – Ricostruire l’antico – Conferenza presentazione 30 marzo 2014 con Daniele Vitali.

2015 – Incontro presso il museo archeologico di Corfinio – conferenza sulle tecniche di ricostruzione ed uso delle armi dell’evo antico – Didattica sensoriale con esposizione di repliche. il programma

2015 – Inaugurazione mostra “L’originale e la sua replica” in collaborazione con il Museo civico archeologico etnologico di Modena. La replica verrà integrata permanentemente nel percorso espositivo, a fianco al reperto. Link alla galleria fotografica (Crono Eventi)

2015 – Conferenza di presentazione del progetto di ricostruzione del fodero celtico decorato di Saliceta San Giuliano. Relatori: Anna Bondini (archeologa e soprintendente dell’Emilia Romagna), Renaud Bernadet (autore del restauro del reperto), Vincenzo Pastorelli ( artigiano del ferro autore della replica), Thierry Lejars ( assente per motivi personali ma contributo letto da Silvia Pellegrini ).

2017 – Esposizione in collaborazione con il Museo archeologico Luigi Fantini a Palazzo d’Accursio (Bologna) in occasione della Notte dei Ricercatori.

2017 – Evento didattico sulla metallurgia antica presso il Museo archeologico “Luigi Fantini” di Monterenzio (Bo) “ALLA BOTTEGA DI EFESTO” LInk alla galleria fotografica (Gallica Parma)

2018 – Evento didattico presso il Museo del Territorio di Riccione – “Terra, Fuoco e Metalli”

Contatto: tel. +39.347.164.88.95


Ilaria Raspadori

nasce a Bologna dove, dopo aver effettuato studi nel campo artistico, nel  1987 consegue l’idoneità all’esercizio del commercio di opere di pittura, scultura, grafica e oggetti di antichità o di interesse storico od archeologico.      Nel 1988 partecipa ad un  corso di formazione professionale per “tecnici di laboratorio con conoscenza, ricerca e conservazione di materiale archeologico” autorizzato e finanziato dal Fondo Sociale Europeo e dalla Regione Emilia Romagna.


Competenze

  • Restauro Archeologico
  • Rilievi e Restituzioni Grafiche
  • elaborazione di decorazioni
  • bronzi e ceramiche

Attività lavorative

1983-1984: progettazione e lavorazione di vetrate d’arte in collaborazione con la vetreria “Grazia” di Bologna.

1985-1989: restauratrice ebanista ed impagliatrice presso la bottega del maestro ebanista Giorgio Occhipinti.

1990: restauro di reperti ossei animali presso lo scavo dell’homo Aeserniensis a Isernia sotto la direzione del Dr. Giusberti dell’istituto di Antropologia di Bologna.

1990-1996: socia fondatrice (insieme ad altre colleghe) della ditta Kriterion s.n.c. di Bologna; presso la quale ho lavorato nel campo archeologico ed in quello pittorico-architettonico.

1997-2000: lavori di restauro –  statue e rilievi in gesso, cotto e legno dipinti. Progettazione e realizzazione di decorazioni a stampiglia,  spolvero, trompe l’oeil. Realizzazione di scritte a foglia oro su intonaco.

2001-2006: ha lavorato presso la ditta Assoedil  di Bologna come  decoratrice realizzando anche progetti per insegne in ferro  dipinte a mano.

2007: illustratrice per la Zanichelli

2009: realizzazione di specchio in bronzo per il Museo “Luigi Fantini”. Monterenzio – Bologna

Ha eseguito inoltre lavori di decorazione a tempera su intonaco, pittura su vetro,  progettazione e realizzazione grafica di un catalogo di decorazione, realizzazione di due siti Internet,  progettazione di varie mostre pittoriche (personali e non),  realizzazione di alcuni disegni per l’editoria.

MOSTRE D’ARTE:

1993: esposizione di disegni  presso San Michele Arcangelo a Quarto Inferiore.

1999: esposizione pittorica presso la Sala Silentium di Bologna tenuta nell’ambito della manifestazione “Bologna Sogna” indetta dal Comune di Bologna.

2000: esposizione pittorica presso l’Opera Pia dei Poveri Vergognosi di Via Marsala in Bologna.